About

Mi chiamo Irene, 23 anni.
Sono laureata in disegno industriale e lavoro in una web agency.
Tra tutto ciò che faccio e ho studiato prediligo la comunicazione visiva e la grafica.
Amo anche la fotografia, la cucina e il make up.
Sono una collezionista seriale. Colleziono cartoline, tazze di Starbucks, peluches...
Sono felicemente fidanzata da 4 anni, perché credo nelle relazioni a distanza, se ci sono fiducia e amore.
La mia vacanza ideale sarebbe così: una panca di legno, un tagliere con formaggi locali e polenta, un vino rosso sempre locale, e una splendida vista sulla montagna.
Purtroppo abito al mare.
Generalmente vado controcorrente su quasi tutto (basta vedere le affermazioni sopra), odio il sole, odio il mare, odio il caldo e l'estate, non mi piacciono la discoteca e la musica ad alto volume, preferisco un Notturno di Chopin. Ho studiato pianoforte per 3 anni e l'ho lasciato con molti rimorsi.
Non sono esattamente il tipo di persona che si definisce "mondana", anzi, ho pochi amici (ma ottimi) ed esco molto poco.
Adoro stare in compagnia di mia sorella, del mio migliore amico (che conosco da quando avevamo 10 anni!) e del mio ragazzo.
Sono vegetariana e nel tempo ho cercato di rendere anche il mio make up più cruelty free, ma non sempre questo è possibile. In compenso adoro provare prodotti nuovi e migliorare sempre di più il mio stile.
Di recente sono stata analizzata da una bravissima armocromista come Autunno Soft Profondo, ma sono una ribelle e mi piace sperimentare anche colori che non mi appartengono (sempre nei limiti della decenza però). Questa bella scoperta mi sta permettendo di utilizzare colori che mai avrei immaginato addosso a me e che invece mi calzano a pennello.

Perché Sabrina?
Sin da adolescente ho amato Audrey Hepburn. L'ho sempre trovata il mio ideale di bellezza raffinata, elegante, sensuale senza volgarità.
Ho guardato i suoi film più famosi. Adoro la sua Holly Golightly un po' distratta e in cerca della sua libertà, adoro Mrs Doolittle così euforica, amo la principessa Ann in giro per Roma in fuga dalle rigide regole di corte, ma un personaggio mi ha sempre colpita più di tutti: Sabrina.
Sabrina è una ragazza molto semplice innamorata di un uomo che pensa di non poter raggiungere, perché lei è solo la figlia dell'autista di una famiglia molto ricca, e lui è il rampollo donnaiolo.
Ma quando Sabrina torna da Parigi è un'altra donna: seducente, colta, raggiante, sofisticata.
Sabrina è il passaggio dal brutto anatroccolo al cigno.
Sabrina incarna qualsiasi ragazza d'oggi che cerca di valorizzarsi al meglio.

Spero che il mio blog possa piacervi e donarvi qualche momento di spensieratezza!
Buona continuazione!

Nessun commento:

Posta un commento